Chiudono meno aziende, ma quando lo fanno è più probabile sia per fallimento

Le più recenti statistiche registrano un massimo storico, per quel che riguarda il primo trimestre 2014, relativo alle procedure fallimentari, nonostante siano calate del 3.5% le chiusure aziendali. L’aumento dei fallimenti sarebbe infatti del 4.6%.

A soffrire maggiormente sarebbe il settore dei servizi, +7,3%, per cui il fenomeno sta comunque rallentando rispetto all’ultimo trimestre 2013, e quello delle costruzioni, +6,3%, in cui invece si registra un’accelerazione rispetto al quarto trimestre 2013 (+5,9%). Migliora anche la manifattura (+0,8%) che segna una decisa frenata, rispetto all’ultimo trimestre 2013″.

I fallimenti crescerebbero in tutto il territorio, ad eccezione del Nord – Est, in cui si registra un calo dell’1,8%, che segue quattro trimestri di boom del fenomeno con tassi molto più elevati rispetto al resto d’Italia. Continua l’aumento nel Nord-Ovest (+3,7%), nel Mezzogiorno e nelle Isole (+5,7%) e soprattutto nel Centro con un incremento sostenuto del 10,3%.

Sarebbero invece 19 mila le liquidazioni volontarie registrate nei primi tre mesi dell’anno, il 5% in meno rispetto allo stesso periodo del 2013. È un calo che segue quello dell’ultimo trimestre 2013 e che potrebbe segnare un cambio di rotta dopo un lungo periodo di aumento del fenomeno. La diminuzione interessa l’industria (-7,4%), i servizi (-3%), mentre nel settore dell’edilizia si registra un lieve aumento (+0,8%). Dal punto di vista geografico, il fenomeno diminuisce ovunque con l’eccezione del Mezzogiorno dove aumenta dell’1%.

Nonostante un aumento del 7% dei concordati preventivi (comprensivi di un piano), il numero di procedure concorsuali non fallimentari risulta in calo dell’1,4%. I dati indicano anche che, a seguito dei correttivi alle normative sui concordati in bianco e in particolare all’introduzione della possibilità, per i Tribunali, di nominare un commissario giudiziale, che monitori la condotta del debitore, si è fortemente ridotto il ricorso al pre-concordato: nei primi tre mesi del 2014 si contano circa 800 domande, in calo del 48% rispetto allo stesso periodo del 2012.

Per approfondimenti e consulenza investigativa in materia societaria clicca qui, oppure 0532206836

Dettagli sui cookie

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.

Tecnici Marketing Statistiche Preferenze Altro

Consenso fornito in data: id:

Insurance Quote

[contact-form-7 404 "Non trovato"]