No assegno manetnimento se l’ex va a vivere con il nuovo compagno

Importante sentenza della Corte di Appello di Roma in tema di assegno di mantenimento e di revisione dei patti di separazione. La Corte ha stabilito che il coniuge separato perde i requisiti per l’assegno di mantenimento se instaura una nuova convivenza, stabilendo inoltre che, per modificare quanto deciso in sede di separazione sia in sede consensuale che giudiziale, è necessario dimostrare che le condizioni economiche siano cambiate nel frattempo.
Nel caso specifico una donna disoccupata al momento della separazione, richiedeva appunto di modificare i patti di separazione includendo un assegno di mantenimento per lei ed un aumento del mantenimento delle figlie ma, nel frattempo, la donna era andata a convivere con il nuovo compagno assieme alle due figlie minori. La Corte non ha accolto la domanda rifiutando di rivedere le decisioni adottatte nel giudizio di separazione poiché, essendo mutata la situazione fra i coniugi, è necessario instaurare un nuovo giudizio che contempli la nuova fattispecie.
La Corte ribadisce infatti che la revisione può avvenire solamente se intervengono fatti e circostanzee idonee ad alterare l’equilibrio economico raggiunto dai coniugi in sede di separazione, lasciando l’onere della prova di ciò a carico del richiedente: nel caso specifico, invece, non solo la domanda della donna era carente sotto questo profilo, ma la sua situazione economica era addirittura migliorata, consentendole la convivenza con il nuovo compagno il risparmio sulle spese di affitto mensile.
E’ evidente quindi l’orientamento giurisprudenziale volto a riconoscere le richieste dei coniugi laddove si producano prove tangibili delle mutate situazioni e fattispecie, sia in sede di separazione che di revisione della separazione.

L’investigatore privato ricopre un ruolo determinante in tal senso, essendo l’unico soggetto autorizzato dalla legge a svolgere investigazioni che possano produrre prove prodromiche all’ottenimento di un giudizio favorevole, anche per mezzo di relazioni e prove fotografiche e soprattutto della testimonianza in giudizio dell’investigatore stesso.
Europol SRL proprietaria dei siti www.europolinvestigazioni.com e www.shop.europolinvestigazioni.com è agenzia autorizzata ai sensi dell’art. 134 TULPS per lo svolgimento di indagini civili e penali, e impiega solamente personale di altissima e comprovata esperienza altresì munito di licenza al fine di acquisire nel massimo rigore di legge prove che siano utili al riconoscimento dei propri diritti in sede giudiziale.

Per qualsiasi informazione scrivi a segreteria@europolinvestigazioni.com oppure clicca qui senza impegno

Dettagli sui cookie

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.

Tecnici Marketing Statistiche Preferenze Altro

Consenso fornito in data: id:

Insurance Quote

[contact-form-7 404 "Non trovato"]