Investigazioni private: efficacia probatoria e utilizzabilità nel processo

INVESTIGAZIONI PRIVATE: EFFICACIA PROBATORIA E UTILIZZABILITA’ NEL PROCESSO

Il rapporto investigativo nascente dalle investigazioni private, noto anche come relazione investigativa, se non suffragato dalla testimonianza giurata, diretta ed orale, al processo (sia civile che penale) dell’investigatore privato che ha effettuato l’indagine, è un nulla, sia dal punto di vista giuridico che di fatto: come tale assolutamente inutilizzabile.

Da ciò si desume come sia indispensabile rivolgersi esclusivamente ad agenzie investigative, come EUROPOL SRL, che siano in grado, tramite i loro investigatori privati specializzati, di supportare la relazione investigativa con l’apposita testimonianza giurata. Da questo discende il buono o il cattivo esito del processo. Se per risparmiare ci si rivolge ad un investigatore privato abusivo e senza licenza? od ad un’agenzia investigativa che ha personale fuori regola interdetto al lavoro investigativo ai termini di legge? Ogni investigatore abusivo è un impostore!

Rivolgersi ad agenzie investigative serie ed affidabili è la prima tutela

Per investigazioni private e consulenza investigativa con agenzia investigativa, rivolgiti ad Europol investigazioni, info line h 24 – 340 576 91 16, oppure scrivici, clicca qui.

Un’autorevole ordinanza del Tribunale di Milano in tema di utilizzabilità delle relazioni investigative

Tribunale Milano, sez. IX civile, ordinanza 08.04.2013

Il Tribunale di Milano rifiuta l’acquisizione del rapporto investigativo prodotto in giudizio, facendo una panoramica sulle prove atipiche e sulla loro ammissione nel processo.

Capita spesso che per dimostrare i profili di addebito nella separazione, infedeltà o altre condotte, la parte si rivolga ad un’agenzia investigativa la quale espletata l’attività d’indagine, redige un rapporto che successivamente sarà portato davanti al giudice.

E’ discussa la valenza probatoria di questo tipo di documentazione. Secondo l’orientamento giurisprudenziale dominante il rapporto investigativo non ha di per sè valore probatorio dei fatti che vengono narrati. I documenti formati dall’investigatore possono essere qualificati come “scritti provenienti da un terzo” e costituiscono una prova atipica. Le prove atipiche, che sono quelle non incluse nel catalogo codicistico, sono ammesse nel nostro ordinamento, ma non possono essere utilizzate per aggirare divieti o preclusioni sostanziali o processuali, cioè per introdurre elementi di prova che non sarebbero altrimenti ammessi o per la cui ammissione sono necessarie adeguate garanzie formali.

Che valore probatorio hanno nel processo le scritture provenienti da terzi? Dottrina e giurisprudenza attribuiscono a questo tipo di prova, il valore di presunzione semplice ex art. 2729 c.c. o di argomento di prova (Cass. Civ. n. 18131/2004, Cass. Civ n. 12763/2000, Cass. Civ. n. 8/2000, Cass. n. 4821/1999).

Se il documento in se in se ha valore “neutrale” può costituire un indizio, anche se deve essere supportato da altri elementi probatori (Cass. Civ. n. 23554/ 2008).

Se invece il documento è a contenuto testimoniale allora deve essere acquisito al procedimento mediante prova orale affinchè acquisti valore probatorio, altrimenti si aggirerebbero le norme poste a garanzia dell’andamento processuale. Infatti, il legislatore ha ammesso la testimonianza scritta solo mediante modi e forme tipizzate dall’art. 257 bis c.p.c. Secondo i giudici milanesi, il fatto di introdurre nel processo dichiarazioni di terzi aventi funzione testimoniale, formate fuori del processo, vuol dire violare le norme del “giusto processo”, perché la deposizione scritta entrerebbe nella lite giudiziale senza controllo del giudice e senza il contraddittorio delle parti.

Non c’è dubbio che i rapporti investigativi siano documenti redatti a sostegno delle tesi di una delle parti, e pertanto abbiano una funzione testimoniale. Qui l’ordinanza del Tribunale di Milano compie un ulteriore passo: non è sufficiente la richiesta di prova orale che confermi in blocco il contenuto del documento, ma è necessario che il terzo investigatore sia in grado di narrare fatti precisi, circostanziati e chiari che abbia appreso con la sua percezione diretta. (Altalex, 6 maggio 2013. Nota di Giuseppina Vassallo)

Per investigazioni private e consulenza investigativa con agenzia investigativa, rivolgiti ad Europol investigazioni, info line h 24 – 340 576 91 16, oppure scrivici, clicca qui

© Riproduzione riservata
NOTE OBBLIGATORIE per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in www.europolinvestigazioni.com
È consentito il solo link dal proprio sito alla pagina di www.europolinvestigazioni.com che contiene l’articolo di interesse.
È vietato che l’intero articolo sia copiato in altro sito; anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale è sempre obbligatoria l’indicazione della fonte e l’inserimento di un link diretto alla pagina di www.europolinvestigazioni.com che contiene l’articolo.
Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, e ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in www.europolinvestigazioni.com è obbligatoria l’indicazione della fonte, nel modo che segue:
Autore. Europol Investigazioni SRL – Titolo -Investigazioni private: efficacia probatoria e utilizzabilità nel processo-, in www.europolinvestigazioni.com

Europol investigazioni aziendali

Insurance Quote

[contact-form-7 404 "Not Found"]