Intercettazioni ambientali ed intercettazioni telefoniche: i rischi e le pene

INTERCETTAZION AMBIENTALI ED INTERCETTAZIONI TELEFONICHE: I RISCHI E LE PENE

INFO LINE INTERCETTAZIONI AMBIENTALI: +393405769116

Intercettazioni ambientali e telefoniche, investigatori privati, si può, è legale?

Intercettazioni ambientali. Siamo continuamente sollecitati da vari utenti che desidererebbero intercettare telefonate, videoriprendere gli amplessi della moglie o i discorsi degli imprenditori concorrenti e che, al nostro secco rifiuto, si infuriano. “Ma che investigatori privati siete, allora, se non intercettate?“. Non sappiamo se sia solo l’ignoranza a parlare in tali casi od anche la mala fede: comunque ora, con quest’articolo, cercheremo di spiegare perchè l’investigatore privato non può intercettare e non deve intercettare alcunchè. Come si fanno le intercettazioni ambientali? Chi mette le intercettazioni ambientali? Quanto durano intercettazioni? Vediamo di rispondere a queste domande.

Articolo a cura di Europol Investigazioni, società specializzata in business informations

Ricordiamo che esistono altre metodologie, legali, per poter effettuare indagini ed acquisire prove. Potete tranquillamente ottenere prove, valide in giudizio, per scoprire l’infedeltà del coniuge o del dipendente, o altro di vostro interesse: legalmente e senza rischi. Se volete un consulto in merito, +393405769116 oppure +390532206836 oppure scriveteci cliccando qui

Ad esempio, recentemente, siamo stati contattati da un potenziale cliente che in quel momento si stava separando dalla moglie. Nell’ambito di questo procedimento per separazione giudiziale, costui ha depositato al giudice della separazione diverse intercettazioni telefoniche artigianali, effettuate da lui stesso. Stupenda iniziativa! Fra l’altro un presunto “investigatore privato” (sicuramente un cialtrone abusivo come ne abbondano in questo settore) lo avrebbe consigliato in tal senso. In questo modo, il marito si è trovato imputato in un procedimento penale ai sensi degli artt. 615 bis e ss del codice penale: “Chiunque, mediante l’uso di strumenti di ripresa visiva o sonora, si procura indebitamente notizie o immagini attinenti alla vita privata svolgentesi nei luoghi indicati nell’articolo 614, è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni. Alla stessa pena soggiace, salvo che il fatto costituisca più grave reato, chi rivela o diffonde, mediante qualsiasi mezzo di informazione al pubblico, le notizie o le immagini ottenute nei modi indicati nella prima parte di questo articolo. I delitti sono punibili a querela della persona offesa; tuttavia si procede d’ufficio e la pena è della reclusione da uno a cinque anni se il fatto è commesso da un pubblico ufficiale o da un incaricato di un pubblico servizio, con abuso dei poteri o con violazione dei doveri inerenti alla funzione o servizio, o da chi esercita anche abusivamente la professione di investigatore privato.” Questo vale anche per le intercettazioni ambientali tramite cellulare e per le intercettazioni ambientali a distanza.

Spesso gli utenti ci chiedono, con insistenza (pensando che sia questione di soldi….) di intercettare privati cittadini e di fare intercettazioni ambientali: stile CSI ed altre amenità televisive varie.

Non distinguono la realtà da dei films televisivi. Orrore!

Cos’è un’intercettazione illegale

L’esempio più usuale di intercettazioni ambientali abusive è quello del marito che vuole controllare la moglie fedifraga, ed invece che rivolgersi ad un’agenzia investigativa seria, predilige (volendo, fra l’altro, risparmiare, il tapino….) mettere una “cimice” sul telefono cellulare. In questo caso siamo di fronte ad un privato cittadino, come voi e come me, che decide di intercettare le comunicazioni di un altro privato cittadino. Ovviamente tale ragionamento non cambia nel caso di intercettazioni ambientali auto, o intercettazioni ambientali in casa.

Ebbene, questo comportamento in Italia è assolutamente illegale, non si può fare, non si deve fare, è vietato!

Si rischiano gravi pene detentive, il risarcimento del danno, ed in più, le prove così raccolte non possono neppure essere utilizzate nel procedimento per cui sono state illegalmente acquisite.

Se poi l’intercettazione è stata fatta con l’ausilio di un “investigatore privato“, o sedicente tale, è peggio ancora, il reato è aggravato e la procedibilità è d’ufficio.

Attenti a rivolgervi a “investigatori privati” (lo ripetiamo quasi sempre truffatori abusivi) che vi promettono prove ed intercettazioni: vi prendete una bella denunzia e forse sarete anche arrestati e condotti in carcere.
Non è neppure necessario che la la parte offesa dal reato denunci colui che ha effettuato l’intercettazione abusiva, si procede d’ufficio. Il Pubblico Ministero non può nemmeno scegliere se esercitare o meno l’azione penale: è obbligatoria.
In Italia solo la Polizia, previa autorizzazione del Magistrato, e solo in determinati casi (previsti dall’art. 266 c.p.p.) può porre sotto intercettazione le comunicazioni ambientali o le conversazioni telefoniche di un privato cittadino. Il reato è quello p. e p. dall’art. 617 quater c.p., che recita: “Chiunque fraudolentemente intercetta comunicazioni relative a un sistema informatico o telematico o intercorrenti tra più sistemi, ovvero le impedisce o le interrompe, è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, la stessa pena si applica a chiunque rivela, mediante qualsiasi mezzo di informazione al pubblico, in tutto o in parte, il contenuto delle comunicazioni di cui al primo comma. I delitti di cui ai commi primo e secondo sono punibili a querela della persona offesa. Tuttavia si procede d’ufficio e la pena è della reclusione da uno a cinque anni se il fatto è commesso:

    1. 1) in danno di un sistema informatico o telematico utilizzato dallo Stato o da altro ente pubblico o da impresa esercente servizi pubblici o di pubblica necessità;
    2. 2) da un pubblico ufficiale o da un incaricato di un pubblico servizio con abuso dei poteri o con violazione dei doveri inerenti alla funzione o al servizio, ovvero con abuso della qualità di operatore del sistema;
    3. 3) da chi esercita anche abusivamente la professione di investigatore privato.”

Chiaramente ciò vale anche per ogni altro tipo di intercettazione e cognizione illegale di comunicazioni destinate a terzi, sotto qualunque forma: posta tradizionale, posta elettronica, sms, messaggi elettronici, chat, contenuti non pubblici di social network, ed ogni altro mezzo di comunicazione. Ciò, ovviamente, è valido anche per le intercettazioni ambientali, cioè quelle che si effettuano mettendo un microfono od una telecamera nascosti in un ambiente (aperto o chiuso) per ascoltare le conversazioni tra due o più persone.

Per concludere: qualunque tipo di intercettazione effettuata da un privato, sotto qualunque forma, è illegale e non deve essere mai fatta. Diffidate da chi vi propone di fare delle intercettazioni, avrete solo problemi e guai giudiziari molto seri.

Rivolgiti all’Agenzia Investigativa Europol per effettuare le tue indagini private ed investigazioni familiari nella più totale legalità. Info line +390532206836+393405769116

Per approfondire questo argomento naviga nel canale YouTube di Europol Investigazioni

© Riproduzione riservata
NOTE OBBLIGATORIE per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in www.europolinvestigazioni.com
È consentito il solo link dal proprio sito alla pagina di www.europolinvestigazioni.com che contiene l’articolo di interesse.
È vietato che l’intero articolo sia copiato in altro sito; anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale è sempre obbligatoria l’indicazione della fonte e l’inserimento di un link diretto alla pagina di www.europolinvestigazioni.com che contiene l’articolo.
Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, e ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in www.europolinvestigazioni.com è obbligatoria l’indicazione della fonte, nel modo che segue:
Autore. Europol Investigazioni SRL – Titolo –Intercettazioni ambientali ed intercettazioni telefoniche: i rischi e le pene-, in www.europolinvestigazioni.com

La presente Scheda ha scopi esclusivamente informativi, non impegna in alcun modo né la redazione online né Europol S. r. L.. Non prendere mai decisioni fiscali o giuridiche senza prima avere consultato un avvocato od un commercialista esperto nella materia.

Articolo aggiornato al 02 Settembre 2021

Dettagli sui cookie

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.

Tecnici Marketing Statistiche Preferenze Altro

Consenso fornito in data: id:

Insurance Quote

[contact-form-7 404 "Non trovato"]