Si può pignorare un conto corrente estero?

SI PUO’ PIGNORARE UN CONTO CORRENTE ESTERO?

SI PUO’ PIGNORARE UN CONTO CORRENTE ESTERO INFO LINE: +393405769116

Si può pignorare un conto corrente estero? Premettiamo che un conto corrente in Italia può essere facilmente pignorato sia da privati ma soprattutto dall’Agenzia delle Entrate che può effettuarlo anche senza l’intervento di un magistrato di un Giudice.

Articolo a cura di Europol Investigazioni, società specializzata in business informations

IL CONTO CORRENTE ESTERO

Un conto corrente estero è divenuto perfettamente legale e la sua apertura, sopratutto dopo l’avvento delle banche digitali, è stata resa ancora più facile.

Si deve specificare però che il denaro depositato deve essere di  natura legittima e si devono rispettare le normative italiane se si è residenti in Italia e le normative della nazione in cui si depositano i soldi.

Non è una pratica rischiosa, certo è che può attirare l’attenzione dell’Agenzia delle Entrate. e degli investigatori.

Di norma vengono sottoposte a particolare attenzione le normative antiriciclaggio e l’evasione fiscale.

Rispettando la legislazione vigente si può aprire un conto corrente all’estero ad esempio da parte di chi:

  • è un cittadino italiano che lavora o studia all’estero;
  • è un cittadino italiano che ha deciso di trasferirsi per un periodo variabile di tempo in un altro Paese;
  • ha deciso di gestire il proprio patrimonio in un altro Paese anche per  gli oneri fiscali (tutela patrimoniale).

SI PUO’ PIGNORARE UN CONTO CORRENTE ESTERO? LA RISPOSTA AL QUESITO

Quindi un conto corrente estero può essere pignorato? Quale conto corrente non è pignorabile? Esiste un libretto postale non pignorabile? e una carta conto non pignorabile?

I contio esteri possono essere sottoposti a pignoramento, sì!. Come concetto sì, proprio perchè i conti correnti accesi all’estero partecipano ai beni che, in caso di pignoramento, vengono messi a garanzia del creditore e di fatto sono aggredibili, ai sensi dell’art. 2740 codice civile vigente.

Esistono però due  notevoli difficoltà per un creditore che intenda pignorare un conto estero del debitore:

  • il fatto che non è semplice venire a conoscenza della presenza del conto se non tramite costose indagini private (in Italia non esiste un’ anagrafe tributaria ufficiale in cui siano registrati i conti all’estero);
  • la procedura da adottare da parte del creditore: infatti deve essere adottata una procedura speciale impossibile da affrontare senza l’ausilio di un avvocato esperto in materia (e non sono molti), oltre ad aver bisogno di un interprete per la traduzione di ogni atto giudiziario.

Certo è che per un creditore affrontare la ricerca del conto corrente del debitore diviene un affare assai costoso: investigazioni private, avvocato specializzato in materia ed eventuale interprete.

Si deve inoltre distinguere se il conto corrente appartenente al debitore sia stato aperto in Paesi della UE o extra UE.

Per i Paesi dell’UE esistono convenzioni multilaterali che potrebbero semplificare leggermente la procedura; il creditore in questo caso deve avere il riconoscimento del titolo esecutivo nel Paese dove è il conto corrente in questione.

Peer i Paesi extra UE la questione si complica enormemente: in alcuni non è nemmeno previsto il riconoscimento del provvedimento emesso dai tribunali italiani.

SI PUO’ PIGNORARE UN CONTO CORRENTE ESTERO? LE SOLUZIONI DI EUROPOL INVESTIGAZIONI

Europol Investigazioni, società investigativa autorizzata specializzata nella tutela del credito, ha posto in essere, tramite la sua piattoforma di e-commerce investigativo, un apposito servizio per poter scoprire l’esistenza di conti correnti esteri intestati ad un debitore, sia privato che società, nelle principali giurisdizioni mondiali. In questo modo il creditore potrà sapere l’esistenza del conto estero del debitore, e procedere ai relativi atti giudiziari, ivi compresa la procedura di sequestro conservativo europeo, sempre con l’ausilio di uno Studio Legale esperto in recupero crediti esteri.

Tali indagini, conformi alla mission investigativa di Europol Investigazioni, nel mondo globalizzato in cui le aziende si trovano ad operare, è essenziale al fine di tenere adeguatamente sotto controllo i flussi di cassa ed evitare problematiche relative a crediti insoluti.

Un conto corrente estero quindi può, in teoria, essere pignorato, anche se con particolari complessità: sarà necessario prima di agire fare una giusta equiparazione fra le somme insolute da recuperare ed i costi (sia investigativi che legali) che saranno da affrontare.

SI PUO’ PIGNORARE UN CONTO CORRENTE ESTERO INFO LINE: +393405769116

Per approfondire questo argomento naviga nel canale YouTube di Europol Investigazioni

© Riproduzione riservata
NOTE OBBLIGATORIE per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in www.europolinvestigazioni.com
È consentito il solo link dal proprio sito alla pagina di www.europolinvestigazioni.com che contiene l’articolo di interesse.
È vietato che l’intero articolo sia copiato in altro sito; anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale è sempre obbligatoria l’indicazione della fonte e l’inserimento di un link diretto alla pagina di www.europolinvestigazioni.com che contiene l’articolo.
Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, e ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in www.europolinvestigazioni.com è obbligatoria l’indicazione della fonte, nel modo che segue:
Autore. Europol Investigazioni SRL – Titolo –Si può pignorare un conto corrente estero?-, in www.europolinvestigazioni.com

La presente Scheda ha scopi esclusivamente informativi, non impegna in alcun modo né la redazione online né Europol S. r. L.. Non prendere mai decisioni fiscali o giuridiche senza prima avere consultato un avvocato od un commercialista esperto nella materia.

Articolo aggiornato al 16 Agosto 2021

Dettagli sui cookie

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.

Tecnici Marketing Statistiche Preferenze Altro

Consenso fornito in data: id:

Insurance Quote

[contact-form-7 404 "Non trovato"]