Indagini Penali

INDAGINI PENALI

INFO LINE INDAGINI PENALI: +393405769116

Indagini penali. Ogni Agenzia Investigativa autorizzata a condurre indagini penali può svolgere delle contro indagini finalizzate alla raccolta di prove, producibili in giudizio, nei casi in cui occorra una difesa, a fronte dell’accusa di aver commesso un reato.

Articolo a cura di Europol Investigazioni, società specializzata in business informations

INDAGINI PENALI: COSA SONO

L’attività investigativa privata nel processo penale è regolamentata dall’art. 391-bis, secondo il quale gli investigatori privati possono conferire con persone in grado di rendere informazioni rilevanti alle indagini in corso
L’articolo 391-bis del Codice Penale stabilisce che “per acquisire notizie il difensore, il sostituto, gli investigatori privati autorizzati o i consulenti tecnici possono conferire con le persone in grado di riferire circostanze utili ai fini dell’attività investigativa”. Tale attività è utile all’investigatore privato autorizzato nel corso delle indagini nel procedimento penale.
L’acquisizione delle informazioni può avvenire sia con un colloquio non documentato o  sottoscritto da una dichiarazione della persona che ha fornito le notizie. In entrambi i casi, l’investigatore privato ha l’obbligo di avvertire la persona interessata circa lo scopo dello stesso; se si intende solo conferire o assumere informazioni indicando le modalità e la forma di documentazione; se la persona interessata è sottoposta a indagini o imputata nello stesso procedimento, in un procedimento connesso o per un reato collegato; della facoltà di non rispondere; del divieto di rivelare le domande formulate dalla polizia giudiziaria o dal pubblico ministero e le risposte date; delle responsabilità penali conseguenti alla falsa dichiarazione. Inoltre, l’investigatore privato non può richiedere notizie sulle domande e sulle risposte date alle persone già sentite dalla polizia giudiziaria o dal pubblico ministero.
Nel corso dell’attività di acquisizione delle informazioni non possono assistere al colloquio la persona sottoposta alle indagini, la persona offesa e le altre parti private. L’investigatore privato è tenuto a interrompere l’assunzione di informazioni da parte della persona interessata qualora essa renda dichiarazioni dalle quali emergano indizi di reità a suo carico. Le dichiarazioni verbalizzate non possono essere utilizzate contro la persona che le ha rese.
Nel caso invece che la persona interessata si sia avvalsa della facoltà di non rispondere, il pubblico ministero, su richiesta dell’avvocato difensore, ne dispone l’audizione che fissa entro sette giorni dalla richiesta. L’audizione si svolge alla presenza del legale che per primo formula le domande. Il difensore, in alternativa all’audizione, può chiedere che si proceda con incidente probatorio all’assunzione della testimonianza o all’esame della persona che si sia avvalso della facoltà di non rispondere.
Infine, le informazioni ricevute in violazione di una delle disposizioni di cui all’articolo 391-bis non possono essere utilizzate. La violazione di tali disposizioni, oltre a rendere inutilizzabile a fini processuali la dichiarazione raccolta, costituisce illecito disciplinare.

INDAGINI PENALI: LA RACCOLTA DELLE PROVE TRAMITE EUROPOL INVESTIGAZIONI

Uno strumento di raccolta prove difensive è l’interrogatorio, nella considerazione che, nel caso in cui l’interrogato non riferisca la verità, è passibile di condanna penale.

Nell’ottica del “nuovo” processo penale, in vigore da oltre trent’anni, il concetto di difesa, inteso in senso classico, viene completamente rivoluzionato: nasce l’avvocato dell’indagine, in parallelo al già esistente Pubblico Ministero dell’indagine.

Sono ormai trascorsi ventuno anni anni da quando, con l’emanazione della legge 397/2000, in vigore dal 18 gennaio 2001, è stata definita la disciplina analitica dei diversi atti di indagine difensiva: uno strumento ancora poco utilizzato, in Italia, dagli avvocati penalisti.

EUROPOL è Agenzia Investigativa autorizzata a condurre indagini penali, indagini difensive, ad usilio dell’attività legale dell’Avvocato cui necessitino prove difensive, elementi probatori utilmente producibili in giudizio. L’Agenzia Investigativa EUROPOL è autorizzata altresì a condurre attività investigativa preventiva ex Art. 391/nonies, oltre a reperire elementi di prova a favore della persona indagata o della parte lesa, tramite sopralluoghi tecnici ex Art. 391/sexies, colloqui, interviste, ricezioni di dichiarazioni e raccolta di informazioni, ex Art. 391/bis.

L’Agenzia Investigativa EUROPOL, essendo in possesso di regolare autorizzazione all’esercizio delle indagini difensive, nel contesto del processo penale, è di valido supporto all’Avvocato Penalista che decide di ricorrere ad investigazioni difensive, ex Art. 222 C.p.P. per individuare elementi di prova a favore del proprio assistito, avvalendosi della collaborazione di sostituti e/o consulenti tecnici.

L’Agenzia Investigtiva EUROPOL è autorizzata a condurre indagini penali difensive volte alla raccolta sia di prove tipiche che di prove atipiche, pertanto alla raccolta di documenti rilasciati dalla Pubblica Amministrazione, di perizie, d’interrogatori verbalizzati e sottoscritti da eventuali testimoni, intervista di eventuali persone informate sui fatti, raccolta di foto, di video, di testimonianze…

L’Agenzia Investigativa EUROPOL fornisce consulenza investigativa ed anche consulenza legale tramite Studi di Avvocati fiduciari convenzionati.

Per approfondire questo argomento naviga nel canale YouTube di Europol Investigazioni

INFO LINE INDAGINI PENALI: +393405769116

europol investigazioni esperienza

© Riproduzione riservata
NOTE OBBLIGATORIE per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in www.europolinvestigazioni.com
È consentito il solo link dal proprio sito alla pagina di www.europolinvestigazioni.com che contiene l’articolo di interesse.
È vietato che l’intero articolo sia copiato in altro sito; anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale è sempre obbligatoria l’indicazione della fonte e l’inserimento di un link diretto alla pagina di www.europolinvestigazioni.com che contiene l’articolo.
Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, e ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in www.europolinvestigazioni.com è obbligatoria l’indicazione della fonte, nel modo che segue:
Autore. Europol Investigazioni SRL – Titolo –INDAGINI PENALI-, in www.europolinvestigazioni.com

La presente Scheda ha scopi esclusivamente informativi, non impegna in alcun modo né la redazione online né Europol S. r. L.. Non prendere mai decisioni fiscali o giuridiche senza prima avere consultato un avvocato od un commercialista esperto nella materia.

Articolo aggiornato al 18 Gennaio 2022

Dettagli sui cookie

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.

Tecnici Marketing Statistiche Preferenze Altro

Consenso fornito in data: id:

Insurance Quote

[contact-form-7 404 "Non trovato"]