Separazione addebito, indagini investigatore

SEPARAZIONE ADDEBITO, INDAGINI INVESTIGATORE

INFO LINE SEPARAZIONE ADDEBITO: +393405769116

Separazione addebito ed indagini infedeltà coniugale affidate all’investigatore privato.

Articolo a cura di Europol Investigazioni, società specializzata in business informations

SEPARAZIONE ADDEBITO: QUANDO ANDARE DALL’INVESTIGATORE PRIVATO

Quando si prende la decisione di rivolgersi ad una agenzia investigativa per raccogliere le prove dell’infedeltà coniugale del proprio coniuge, occorre conoscere l’efficacia probatoria della relazione investigativa che, al termine delle indagini esperite, l’investigatore privato rilascerà. Diversamente, e nel caso di acquisizioni di prove illecite /intercettazioni, violazioni della corrispondenza etc ), o senza osservare la normativa vigente, dette prove saranno, ex lege, inutilizzabili. In definitiva si saranno spesi soldi inutilmente.

In una causa di separazione con richiesta di addebito al coniuge infedele, è sempre consigliabile produrre almeno una relazione investigativa documentante l’adulterio, la cui liceità è stato argomento affrontato dai giudici anche recentemente. L’onere della prova, infatti, spetta a chi chiede l’addebito, dovendo dimostrare non solo l’avvenuta relazione adulterina, ma anche la circostanza che tale infedeltà abbia reso impossibile la continuazione del matrimonio.

L’Art. 151 del codice civile, infatti, stabilisce che “la separazione può essere chiesta quando si verificano, anche indipendentemente dalla volontà di uno o di entrambi i coniugi, fatti tali da rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza o da recare grave pregiudizio alla educazione della prole“. L’adulterio del coniuge, occasionale o reiterato, è dunque una delle cause che possono rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza e quindi motivare la richiesta di separazione giudiziale. Il giudice poi provvederà a valutare, sulla base delle prove indiziarie prodotte, testimoniali e documentali, se la ragione addotta dal coniuge tradito, l’infedeltà coniugale, sia veritiera o meno, ai fini della pronuncia della separazione stessa.

Sempre l’Art. 151 del Codice Civile, secondo comma, stabilisce inoltre che “Il giudice, pronunziando la separazione, dichiara, ove ne ricorrano le circostanze e ne sia richiesto, a quale dei coniugi sia addebitabile la separazione, in considerazione del suo comportamento contrario ai doveri che derivano dal matrimonio“. Chiaramente sarà poi lavvocato divorzista ad utilizzare, debitamente, queste prove in Tribunale.

SEPARAZIONE ADDEBITO: LE CONSEGUENZE DELL’ADDEBITO

Pertanto solo nel caso in cui il tradimento sia la causa della crisi coniugale e non l’effetto, il giudice potrà addebitare la separazione al coniuge infedele: se il matrimonio, prima dell’adulterio, era già irrimediabilmente in crisi, per ragioni altre, indipedenti dalla relazione adulterina, come ad esempio per esser venuto meno l’affectio coniugali, il giudice potrà dar luogo alla pronuncia con addebito a carico del coniuge infedele. L’addebito della separazione produce la conseguenza del venir meno del diritto all’assegno di mantenimento previsto e disciplinato dall’Art. 156 del codice civile.

Chi tradisce e provoca in questo modo l’irrimediabile crisi matrimoniale non può vantare alcun diritto all’assegno di mantenimento.

SEPARAZIONE ADDEBITO: COME DIMOSTRARE IL TRADIMENTO CON L’AGENZIA INVESTIGATIVA

Per dimostrare il tradimento, la relazione investigativa è senza ombra di dubbio un mezzo di prova, seppure atipico, se redatta da investigatori privati professionali, in possesso di regolare licenza investigativa ex Art. 134 e ss T.U.L.P.S..

Nella recente decisione della Suprema Corte viene posta, infatti, in evidenza la legittimità della sentenza emessa dalla Corte d’Appello di Bologna la quale aveva ritenuto comprovata l’infedeltà coniugale, in questo caso della moglie, proprio sulla base della documentazione prodotta a corredo della relazione investigativa, ovvero foto e tabulati telefonici. I giudici  avevano quindi sottolineato che l’adulterio risultava provato da fatti oggettivi e non da mere deduzioni o sensazioni dell’investigatore privato. (Cassazione civile, Sezione I, Sentenza del 23 maggio 2014, n. 11516). La relazione investigativa, inoltre, non lede il principio del contradditorio, oppostamente al parere della moglie fedifraga, in quanto la Suprema Corte stessa afferma che è lecito l’utilizzo della relazione investigativa stilata da un investigatore privato autorizzato e finalizzata a documentare un comportamento illecito, quale appunto l’infedeltà coniugale.

In estrema sintesi, dunque, se descrive fatti inequivocabili, circostanze chiare, luoghi e tempi ben precisi, avvenuti in data antecedente alla domanda di separazione con addebito, e appresi direttamente dall’investigatore privato, con i mezzi consentiti dalla legge, la relazione investigativa è ammissibile attraverso lo strumento della prova orale, e può valere, fra le altre, come prova per ottenere, in giudizio, la dichiarazione di addebito al coniuge infedele.

L’utilizzo delle relazioni investigative sarà ritenuto lecito, se le stesse rivestono il carattere dell’oggettività e non si limitano a riportare mere deduzioni, o ancor peggio sensazioni, dell’investigatore privato che ha materialmente esperito le investigazioni private.

L’Agenzia Investigativa EUROPOL fornisce professionalmente i servizi investigativi atti a dimostrare l’esistenza di relazioni adulterine, al fine di ottenere una sentenza di separazione giudiziale con addebito di colpa al coniuge infedele.

Effettuiamo indagini per infedeltà coniugale a Ferrara ed in tutta Italia, allo stesso costo.

INFO LINE SEPARAZIONE ADDEBITO: +393405769116

Per approfondire questo argomento naviga nel canale YouTube di Europol Investigazioni

europol investigazioni esperienza

© Riproduzione riservata
NOTE OBBLIGATORIE per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in www.europolinvestigazioni.com
È consentito il solo link dal proprio sito alla pagina di www.europolinvestigazioni.com che contiene l’articolo di interesse.
È vietato che l’intero articolo sia copiato in altro sito; anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale è sempre obbligatoria l’indicazione della fonte e l’inserimento di un link diretto alla pagina di www.europolinvestigazioni.com che contiene l’articolo.
Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, e ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in www.europolinvestigazioni.com è obbligatoria l’indicazione della fonte, nel modo che segue:
Autore. Europol Investigazioni SRL – Titolo –Separazione addebito, indagini investigatore-, in www.europolinvestigazioni.com

La presente Scheda ha scopi esclusivamente informativi, non impegna in alcun modo né la redazione online né Europol S. r. L.. Non prendere mai decisioni fiscali o giuridiche senza prima avere consultato un avvocato od un commercialista esperto nella materia.

Articolo aggiornato al 25 Marzo 2022

 

Dettagli sui cookie

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.

Tecnici Marketing Statistiche Preferenze Altro

Consenso fornito in data: id:

Insurance Quote

[contact-form-7 404 "Non trovato"]