Questo Sito utilizza cookie in conformità alla cookie policy del Sito e cookie che rientrano nella responsabilità di terze parti.

Cliccando su CHIUDI o chiudendo il banner, acconsenti all’utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni o negare il consenso ai cookie di terze parti clicca su maggiori informazioni.

Recupero Crediti Austria

0

Replies

Recupero Crediti Austria

recupero crediti austria

Recupero Crediti Austria con Europol

Recupero crediti Austria con Europol. Procedure e modalità per recuperare i crediti nei confronti di debitori residenti in Austria. Prima di illiustrare le modalità di recupero credti occorre una riflessione sui tempi della prescrizione secondo il diritto Austriaco. Ancorchè il termine di prescrizione generale sia di 30 anni, nella pratica più diffusa e per i crediti derivanti da forniture è di soli 3 anni. L' art 1486 e ss. ABGB prevede infatti una prescrizione nel termine di 3 anni per:

  1. diritti di credito della “vita quotidiana” come crediti per il pagamento del prezzo di compravendita, per la consegna di merce o per la prestazione di servizi;
  2. prestazioni di carattere continuativo (come ad es. canoni di locazione, diritto agli alimenti etc…);
  3. diritto di garanzia in riferimento ai beni immobiliari;
  4. diritto al risarcimento del danno.

La prescrizione quindi è più breve rispetto al diritto Italiano. 

Ovviamente anche secondo il diritto austriaco il termine di prescrizione puo´essere sospeso o interrotto.
L’interruzione del termine di prescrizione può - ad esempio - essere originata da una ricognizione di debito o dalla attivazione di una azione giudiziale.  La sospensione del termine di prescrizione, secondo giurisprudenza costante, può essere invece originata dall’inizio di trattative stragiudiziali tra le parti per tutto il periodo delle trattative, purché si tratti di un termine “ragionevole” (la giurisprudenza non è precisa a riguardo) e purché, subito dopo le trattative, venga depositato l’atto di citazione.

Da quanto sopra, emerge come, secondo il diritto austriaco, diversamente da quanto previsto dal diritto italiano, la notifica di una diffida ad adempiere, pertanto non abbia alcuna efficacia sospensiva o interruttiva del termine di prescrizione.

Si evidenzia inoltre che, se non è diversamente concordato tra le parti, nei rapporti tra imprenditori il Codice del Commercio austriaco prevede che gli interessi moratori siano pari alla Basiszinssatz (calcolati dalla Banca Centrale Austriaca) oltre al 9,2%.

Recupero Crediti Austria, cosa fare quindi?

Dal punto di vista operativo, la procedura per il recupero del credito, si evidenzia come sia frequente, nella prassi, l’invio di una diffida a controparte prima dell’avvio della procedura giudiziale. In generale, si concede alla controparte un termine di 14 giorni per adempiere. Se il credito non è in contestazione, spesso il debitore cerca una soluzione al fine di evitare la fase giudiziaria. Se questo non avviene è necessario procedere alla fase giudiziaria. La procedura per l’ottenimento del decreto ingiuntivo, “Mahnklage", e´completamente informatizzata per l’Avvocato. Si evidenzia, inoltre, che non occorre allegare alcun tipo di documentazione probatoria relativamente al credito vantato; è sufficiente, nel ricorso, indicare il titolo sulla base del quale si chiede tale pagamento, scegliendo tra varie opzioni indicate dal sistema informatico.

Recupero Crediti Austria, i passi successvi

A seguito della notifica del decreto ingiuntivo, comincia a decorrere il termine di 4 settimane per la eventuale opposizione da parte del debitore; la controparte, nell’atto di opposizione non ha l‘obbligo indicare alcuna motivazione. In allegato al decreto ingiuntivo, è già presente un formulario per presentare una opposizione. Occorre tuttavia rilevare che, nonostante la facilità con la quale è possibile presentare opposizione ad una “Mahnklage”, nella prassi la maggioranza dei decreti ingiuntivi diventa definitiva: con il decreto ingiuntivo, infatti, il debitore viene informato sulle conseguenze e sulle spese da sostenere in caso di un procedimento ordinario intrapreso sulla base dell’atto di opposizione. Alla scadenza delle 4 settimane, in difetto di rituale opposizione, al decreto ingiuntivo viene apposta la formula esecutiva, che consente di procedere ad esecuzione forzata. In generale, tra il deposito del decreto ingiuntivo e l’ottenimento del titolo esecutivo, i termini sono di circa 2 mesi.

In caso di opposizione del debitore, invece, il Giudice procedente fissa la prima udienza e si radica immediatamente un procedimento ordinario di cognizione. Si evidenzia in ogni caso che, in linea di principio, un procedimento di primo grado in Austria ha una durata media circa 15-18 mesi.

Una volta ottenuto il titolo esecutivo, e´possibile procedere al deposito di una istanza di esecuzione (non esiste in conformità al diritto austriaco l’atto di precetto). In tal caso, entro il termine di 6 mesi dalla ordinanza di avvio della procedura esecutiva da parte del Tribunale competente, l’ufficiale giudiziario deve fornire un dettagliato report sulle attività´svolte e sugli eventuali beni pignorati.

Recupero Crediti Austria, quanto costa?

La procedura di Recupero Crediti in Austria ha costi che dipendono dall'entità del credito, spesso più contenuti rispetto a quelli Italiani. Le ricerche in merito ai patrimoni del debitore possono essere effettuate dalla Avvocato telematicamente, al fine di ridurre i tempi e i costi per il cliente. Se devi recuperare un credito in Austria scrivi una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure chiama 0532/206836